Da Romolo, un ristorante che è un museo dello sport

vineria-osteria-da-romoloBasterebbe molto meno per definire questo locale un museo dello sport. Magari all’ingresso non sembra, perché si punta molto sull’esposizione dei vini. Tanto Morellino di Scansano (del resto la zona di produzione è a una manciata di chilometri da qui) ma anche tante altre etichette toscane e non solo toscane. Poi però c’è la sala da pranzo e quando ci si siede a uno dei tavoli ci si distrae e si rischia di rimanere a bocca aperta. Alle pareti e al soffitto è appeso tutto lo scibile in fatto di sport. Romolo, il proprietario, era molto amico di Franco Ballerini, il compianto CT della Nazionale di ciclismo scomparso in un incidente stradale il 7 febbraio 2010 durante il Rally Ronde di Larciano. C’è tanto ciclismo appeso a quei muri, ma c’è anche tanto pugilato, altra passione del signor Romolo. E poi c’è il calcio, che non può mai mancare. Dal soffitto pendono le sciarpe di decine di squadre di ogni nazionalità, ma ci sono anche e soprattutto le maglie di molti giocatori del Grosseto che sono stati e sono ottimi clienti della Vineria Osteria da Romolo.

Sportivo è anche il modo di approcciarsi alla cucina e allo stare insieme intorno a un tavolo. Si cena fino a tardi, anzi a tardissimo. Romolo è armato di griglia e prepara tutte le squisitezze del territorio toscano, dalla classica fiorentina a cento altri tipi di carne. Ma non si accontenta di questo perché propone una lunghissima serie di ottimi salumi locali e primi a base di pasta fatta in casa con i condimenti classici della tradizione locale. Un occhio anche ad altre regioni, con una straordinaria polenta accompagnata a funghi in umido. Siamo nel pieno centro di Grosseto ma appena si varca la soglia di questo posto basta un secondo per immaginare di essere in un casale di campagna, in mezzo a un vigneto o a un uliveto. Oppure in un museo dello sport, di quelli fatti con il cuore e la passione.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *