Ristoranti da Champions: Manchester

Commonwealth Suite  MatchdayManchester è una città particolare. Vive molto di calcio e di musica, ma anche di cultura. Il clima non aiuta a sorridere, il tessuto urbano nasce da una base assolutamente industriale. Per i romani che hanno programmato una trasferta legata a Manchester City-Roma la prospettiva è quella di un City Tour abbastanza limitato. Si può dare un’occhiata alla Cattedrale, alla Manchester Art Gallery, al Museo della Scienza e dell’Industria e all’Imperial War Museun. Va un po’ meglio a chi desidera fare un po’ di shopping, perché all’Arndale Centre in Market Street si può trovare praticamente tutto. In Cross Street ci sono i grandi magazzini Selfridges, gli Harvey Nichols e il Triangle Shopping Center. Alla fine di tutto però i veri gioielli di Manchester sono gli stadi. L’Etihad del City è moderno ed è un piccolo gioiello, mentre l’Old Trafford dello United è la storia del calcio cittadino: meraviglioso soprattutto il museo dei Red Devils.
E poi c’è l’aspetto alimentare. La cucina inglese non è mai stata famosa per varietà e creatività, ma negli ultimi anni è uscita dal suo isolamento per adeguarsi al progresso europeo. Molto presente la cuicna indiana, come in tutte le metropoli britanniche. Manchester non arriva ai livelli di Londra per ristoranti stellati Michelin e chef all’avanguardia. Però anche prima e dopo City-Roma qualcosa di interessante si può trovare.

MANGIARE ALL’INTERNO DELL’ETIHAD STADIUM

THE CHAIRMAN’S CLUB
Ristorante di grande eleganza (ci si siede su poltrone di velluto), propone nel prepartita una cena da cinque portate più cocktail di benvenuto, rinfreschi nell’intervallo della partita e alla fine. Può ospitare fino a 220 persone e ovviamente va prenotato per tempo.

THE MANCUNIAN
Ristorante informale e arredato in stile mensa aziendale, intende unire le passioni per il calcio e per la musica che viene trasmessa mentre si mangia. Viene proposto un menù di quattro portate di cucina fusion euroasiatica, rinfreschi nell’intervallo e a fine partita.

ELEVEN
Si trova al pian terreno, proprio all’ingresso della tribuna Colin Bell, e offre la possibilità di veder arrivare le squadre e i tecnici. Non è un vero e proprio ristorante ma un risto-bar che propone un buffet di salatini, tartine e varie amenità più birra, vino e bibite.

THE 1894 CLUB BAR
Prende il nome dall’anno della fondazione ufficiale del Manchester City ed è appunto un bar dove si va soprattutto per bere una birra o una bibita ma che offre anche il classico cibo da bar tipo panini e tartine di vario tipo.

ConnellClubEvents003THE COMMONWEALTH BAR
Un locale gigantesco, situato al primo piano dello stadio all’interno della Tribuna Est (East Stand), con moltissimi tavoli e sedie, l’ideale per stare a chiacchierare in gruppo aspettando la partita. La birra scorre a decalitri ma si trova anche da mangiare.

CITIZENS
Il posto dove si incontrano i tifosi più innamorati del Manchester City, per commentare i risultati e per parlare di calcio senza alzare la voce. Il bar viene definito “onesto, rilassato, accogliente e confortevole”. Si può mangiare nel prepartita e anche durante l’intervallo e alla fine.

ALLOGGIO PIU’ PASTO PIU’ PARTITA

CITY IN THE CITY (CROWNE PLAZA HOTEL)
Il Manchester City ha una convenzione con il Crowne Plaza Hotel che si trova a pochissima distanza dall’Etihad. Chi arriva da fuori Manchester può acquistare un pacchetto che comprende pernottamento più biglietto della partita più pasto di tre portate più drink di benvenuto.

IN CITTA’: CUCINA BRITANNICA

FISH & CHIPS
11, Victoria Square
Il signor Scott frigge una quantità inusitata di pesce e patatine, ma nonostante questo riesce a mantenere un buon livello qualitativo e dei prezzi assolutamente ragionevoli. Ideale per una pausa pranzo, si può scegliere tra vari menù e c’è anche l’opzione del fish & chips d’asporto.

PIEMINISTER
53, Church Street
Qui si mangiano solo “Pie” (si legge “pai”), delle tortine soprattutto salate e ripiene di ogni bendidio (manzo, maiale, cacciagione) tipiche del nord-ovest del’Inghiterra. Si mangia a un prezzo ragionevole e si può scegliere tra un grandissimo numero di birre molto qualitative.

THE ROSE GARDEN
218, Burton Road
In alcuni giorni della settimana ha due menù a prezzo fisso (17 sterline e 95 per 2 portate, 19 sterline e 95 per 3 portate), cucina molto bene l’agnello e in generale le carni alla brace, ma possono attrarre anche la zuppa di piselli, bacon e menta o il pasticcio di coniglio. Servizio molto attento.

IN CITTA’: CUCINA INDIANA

MY LAHORE
18, Wilmslow Road
Posto affollatissimo a tutte le ore, meglio prenotare ma al di fuori degli orari di punta si riesce a farsi recuperare un tavolo. Molto ben arredato e illuminato, si basa sulla cucina indiana ma spazia anche in altre direzioni (Italia compresa) con materie prime di primissima scelta.

PUNJAB TANDOORI
177 Wilmslow Road
Il tempio del vero curry indiano a Manchester. Lo preparano in maniera sublime, con estrema cura anche nella scelta di tutte le altre spezie. La tecnica di preparazione del cibo è elevatissima e anche le materie prime sono scelte con grande cura, poi servite con estrema cortesia.

SUNSKRUTI
95, Mauldeth Road
Cibo indiano, ma secondo la cultura vegetariana, addirittura quasi vegana. Ha una proposta straordinaria e il consiglio è quello di studiare il menù sul sito prima di andarci, perché altrimenti ci si impiega tantissimo. Ci sono anche contaminazioni cinesi e giapponesi.

IN CITTA’: PER CHI NON RINUNCIA A PASTA E PIZZA

LE DELICATEZZE DI BRUNO
564, Ashton New Road
Sembra fatto apposta per il prepartita, visto che si trova fuori dal centro e a due passi dall’Etihad Stadium. La pizza di Bruno viene considerata la migliore di Manchester, ben cotta e ben condita, ma meritano una segnalazione anche i fritti di mare e il tiramisù, a prezzi abbordabili.

MAMMA MIA
54 Hulme Road
Strizza un po’ l’occhio anche alla Spagna servendo delle tapas, ma la sua forza è la cucina italiana tradizionale, che parte con le bruschette molto ben tostate e condite, passa per la pasta fatta in casa e spazia tra risotti e dolci della tradizione italiana.

OLIVE
4 Lloyd Street
Si trova in posizione centrale e quindi ha prezzi leggermente più elevati rispetto agli altri italiani. I primi sono tutti piatti della tradizione italiana, pasta o risotto, mentre alcune pizze sono un po’ adattate al gusto inglese, così come i piatti principali soprattutto di carne.

Ristoranti da Champions: Madrid

madridMadrid è una città che vale un viaggio, al di là della partita di Champions League. Atletico-Juventus è sicuramente un appuntamento ricco di fascino, i vicecampioni d’Europa contro i campioni d’Italia, la squadra di Cerci e del Cholo Simeone contro un gruppo che dopo i due tentativi di Conte vuole finalmente andare avanti in Champions League giocandosela alla pari con chiunque. Ma la città, per chi ha il tempo di visitarla, lascia dentro un raccordo indelebile. Viali, fontane, parchi, edifici storici danno alla capitale spagnola una dimensione internazionale. Si gioca al Vicente Calderon, ma anche una visita al Santiago Bernabeu non ci sta male. Anche questa è storia, pur se storia calcistica.
E poi c’è la tavola. La cucina spagnola in Italia è popolare soprattutto per la paella, che in tutte le sue varianti viene apprezzata anche dagli spaghettofili di casa nostra. Ma la vera libidine ispanica è costituita dalle tapas, quegli assaggini misti che vengono portati per accompagnare un bicchiere di vino o di sangria, un aperitivo che in un attimo si trasforma in cena. E che cena. L’altro grande asso nella manica della Spagna è il prosciutto (jamòn), serrano, iberico, jabugo, bellota, patanegra. Arriva a costare cifre iperboliche (il patanegra) ma è buono anche nelle sue versioni più economiche. Per tutta questa serie di ragioni, da Atletico-Juve al jamon patanegra, Madrid vale molto più di un blitz andata-partita-ritorno.
Proviamo comunque a dare un’idea di come muoversi tra le mille tavole di una capitale fantastica. Continua a leggere

LA PASTA DI CONTADOR

Non è certo una novità che la dieta a base di carboidrati sia importante per chi fa sport. Soprattutto i ciclisti sono famosi perché alla mattina fanno colazione con un bel piatto di pasta.

Alberto Contador magari dopo la squalifica per il Clenbuterolo che lui ha sempre sostenuto fosse contenuta nella carne che aveva mangiato ha aumentato i piatti di pasta nella sua dieta.

Continua a leggere

Un panino per un Bari da Serie A

10599301_521776204633342_4661124771191203474_nMangiarsi gli avversari in un boccone è l’aspirazione di qualunque tifoso, da quando esiste il calcio. Mangiarsi un panino in un boccone per aiutare la propria squadra è una possibilità che adesso solo i tifosi del Bari possono permettersi. Da qualche giorno infatti esiste il panino del tifoso biancorosso. L’ha inventato lo chef barese (protagonista di Masterchef) Almo Bibolotti e oltre a essere perfetto per stoppare la fame del prepartita segue anche i criteri nutritivi corretti per evitare pericolosi problemi di digestione alla stadio. La ricetta comprende petto di tacchino al forno, scamorza affumicata, crema di melanzane e crema di pomodori secchi con profumo di menta. Il prodotto è stato lanciato alla Fiera del Levante nei giorni scorsi ed è già distribuito nei migliori bar del centro di Bari. Continua a leggere

CHI FA SPORT DEVE MANGIARE BENE

Tra gli chef star è indubbiamente il più sportivo.

Prima di impugnare il mestolo ha giocato a calcio arrivando fino alla C2.

Davide Oldani

Davide Oldani mantiene il fisico asciutto di chi fa sport. Un paio d’infortun: prima frattura tibia e perone per l’uscita maldestra di un portiere e poi rottura del menisco gli hanno impedito di giocare ancora a calcio, anche la corsa è stata abbandonata.

Oggi quando gli impegni in cucina glielo consentono inforca la bicicletta, ha partecipato a più di una Granfondo. La sua passione sportiva è riconosciuta anche da Gualtiero Marchesi che è stato il suo maestro come lo è stato della maggior parte dei cuochi che hanno conquistato l’Italia, e spesso anche l’estero, in questi anni di grande interesse verso la gastronomia.

Continua a leggere

Ristoranti da serie A: 16/Verona

Per i tifosi milanisti era e resta “la fatal Verona”, appellativo poco lusinghiero che richiama due scudetti persi in maniera clamorosa. Ma per tutti gli altri è la città di Giulietta e dell’Arena, per le buone forchette è un posto dove si trovano mille soluzioni interessanti un po’ ovunque. Verona è un punto strategico, che prende il meglio della cucina veneta ma anche di rimbalzo qualcosa di quella lombarda. L’importante è non perdere la bussola e infilarsi nell’indirizzo giusto, che si vada a vedere una partita del Verona o una del Chievo. .

 

VERONA ZONA STADIO

ELEFANTE BLU

Piazza Corrubbio 36 – Verona – 045/591294

Non c’entra molto con la cucina veneta tradizionale perché in effetti è un ristorante indiano che serve piatti con sapori molto decisi ma anche molto affascinanti, soprattutto adattati al gusto italiano con qualche piccola correzione. Il locale è molto ben arredato e il personale molto gentile, la distanza dallo stadio è di un chilometro circa.

 

GROTTA AZZURRA

Via Sogare 9– Verona – 045/8104134

In realtà è la Grotta Azzurra 3, perché la 1 è in via Scuderlando e la 2 in Largo Perlar. I tre locali vanno avanti di pari passo e propongono soprattutto pizza, nelle varianti “rotonda” e “al metro”, molto apprezzata soprattutto quest’ultima che può essere ordinata anche in gusti diversi. Servizio veloce e tempi perfetti per lo stadio.

 

LA BELLA VERONA

Corso Milano 112/b –Verona – 045/8101842

Molto affollata, sempre, per la velocità del servizio e la puntualità ma anche per le dimensioni del locale che non sono molto grandi. Come molti locali in prossimità dello stadio, punta molto sulla pizza ma si fa apprezzare anche per tutto il resto che porta in tavola, soprattutto per i piatti di pesce. Il proprietario, Matteo, ha anche una vera passione nel consigliare i piatti.

 

LA GINESTRA

Corso Milano 101 – Verona – 045/562449

Ristorante collegato all’hotel Leopardi, si è specializzato soprattutto in pesce e si trova a meno di un chilometro dallo stadio. Arredato con buon gusto, offre anche molti piatti creativi come il risotto ai mirtilli che va provato. Sono molto sensibili a occasioni particolari, magari non nei giorni di partita, ma non è difficile trascorrere una serata di degustazione in questo locale.

 

OLIMPIA

Piazzale Olimpia 40 – Verona – 045/8101483

Un classico assoluto per chi frequenta lo stadio, è soprattutto una pizzeria ma anche gli antipasti di salumi misti sono una soluzione interessante. Buono anche per i dopopartita perché rimane  aperto fino a tardi, sempre con grande gentilezza e grande disponibilità da parte di tutto il personale. Anche i prezzi sono abbordabili.

 

OSTERIA AL BORGO

Via Longhena 29/d – Verona – 045/8105145

Si parte dalla tradizione veronese, che ispira quasi tutti i piatti di questa piccola osteria, ma è il tocco di innovazione che ha dato lustro e popolarità al locale, molto attento anche all’accoppiamento con vini non solo locali. Due concessioni importanti ai prodotti stranieri sono il prosciutto Patanegra e i formaggi francesi.

 

OSTERIA AL BOSCAREL

Vicolo cieco Boscarello 5/A – Verona – 045/8004574

Si trova nel quartiere di San Zeno, la distanza dallo stadio è inferiore al chilometro e mezzo. Punta molto sull’ottimo rapporto qualità-prezzo. Molto bravi nello scegliere le materie prime ma anche nel lavorarle e presentarle. Cambia menù ogni 15 giorni e quasi tutte le proposte sono orientate su una cucina di terra.

 

SAN MARCO

Via Don Luigi Sturzo 9 – Verona – 045/8102522

A pochissimi metri dallo stadio, è veramente una delle soluzioni più comode per un prepartita o un postpartita o anche se si passa da Verona per raggiungere un’altra destinazione. Punta molto sulle pizze: ne vengono preparate oltre 70, con la chicca delle pizze ipocaloriche per chi vuole mantenere la forma senza rinunciare a questo piatto.

 

WOK SUSHI

Via Michelangelo 39 – Verona – 045/2371325

Non bisogna lasciarsi ingannare dall’aspetto che non è tra i più invitanti del mondo. Si entra e si mangia tutto quello che si vuole, il classico “all you can eat” con un prezzo straordinariamente basso che però va preso con i suoi pregi e i suoi difetti, tra i pregi sicuramente la vicinanza con lo stadio Bentegodi.

 

VERONA CON QUALCHE ORA LIBERA

 

12 APOSTOLI

Vicolo Corticella San Marco 3 – Verona – 045/596999

In pieno centro storico, è un locale molto elegante e che viene gestito dalla stessa famiglia da oltre 100 anni. Si va molto sulla tradizione, con pasta e fagioli e gnocchi di zucca tra i primi, petto d’anatra all’amarone che spicca tra i secondi. La cantina è fantastica e contiene addirittura dei resti romani ritrovati 30 anni fa.

 

ALLA COLONNA

Largo Peschiera Vecchia 4 – Verona – 045/596718

Nel gergo veronese viene chiamata semplicemente “la cotolette ria” perché punta moltissimo su questo piatto. La cotoletta che viene servita è una vera e propria orecchia d’elefante,  più simile alla Wiener Schnitzel che all’omologa Milanese. Il locale è tendente al rustico ed è un covo di tifosissimi dell’Hellas Verona.

 

ALLA FIERA

Via G. Scopoli 9 – Verona – 045/508808

Uno dei locali più famosi della città per la cucina di pesce, ha dei prezzi un po’ alti ma garantisce una qualità sempre molto elevata e una notevole scelta nelle materie prime. La zona non è molto turistica, ci si va per un evento fieristico oppure apposta per mangiare in questo locale che ha per specialità l’aragosta alla catalana.

 

LE CANTINE DE L’ARENA

Piazzetta Scalette Rubiani 1 – Verona – 045/8032849

Come il nome suggerisce, si trova in pieno centro a un passo dall’Arena. Si può mangiare di tutto ma il punto di forza è rappresentato dal settore pizze, che vengono eseguite in maniera veramente eccellente. Il personale è giovane e si dà molto da fare, il locale ha comunque una scenografia che si fa apprezzare.

 

LE COLOMBARE

Via Castel San Felice 7 (Parco delle Colombare) – Verona – 045/914121

Il locale è piacevole e sopratutto ben posizionato sulla strada delle Torricelle. E’ un ristorante disposto su più livelli, la specialità è costituita delle carni argentine che vengono cotte e preparate in maniera attenta e gustosa. Si può puntare anche sulla pizza se si preferisce questa alternativa, è consigliato anche per cene romantiche.

 

TRATTORIA DEL ROPETON

Via Fontana del Ferro 1 – Verona – 045/8030040

Trattoria del centro cittadino con un menù tipico veronese che viene esposto allìesterno e poi viene ripetuto a voce dal gestore quando ci si siede al tavolo. Frequentato sia dai veronesi che dai turisti, propone porzioni molto abbondanti e presenta conti alla portata di tutte le tasche in un ambiente che conquista facilmente.