LA PASTA DI CONTADOR

Non è certo una novità che la dieta a base di carboidrati sia importante per chi fa sport. Soprattutto i ciclisti sono famosi perché alla mattina fanno colazione con un bel piatto di pasta.

Alberto Contador magari dopo la squalifica per il Clenbuterolo che lui ha sempre sostenuto fosse contenuta nella carne che aveva mangiato ha aumentato i piatti di pasta nella sua dieta.

Il recente vincitore della Vuelta sul palco della corsa a tappe spagnola, terza per importanza dopo Tour de France e Giro d’Italia, ha portato sul podio anche un po’ di Italia. Il pastificio Del Verde, infatti, è fornitore ufficiale del Tean Saxo, la squadra di Contador.

La fornitura per il giro spagnolo è stata di 36 kg di spaghetti biologici, 10 kg di penne biologiche, 6 kg di ondine biologiche perché hanno voluto solo pasta rigorosamente biologica (hanno utilizzato anche la farina Delverde per fare il pane. Circa 40kg)

La pasta abruzzese è molto apprezzata perché saporita anche con poco condimento. Il legame del pastificio abruzzese con le due ruote e con lo sport non è una novità. Negli anni scorsi c’è stata la partnership con il team Liquigas Cannondale, poi supportato un gruppo di atleti alle Olimpiadi di Londra, il Pescara Calcio nella splendida cavalcata verso la serie A con Zdenek Zeman ed è fornitore ufficiale della Fiorentina; Delverde continua a dimostrare la sua grande passione verso le due ruote.

Il gruppo di atleti supportati per i giochi di Londra 2012 comprendeva Andrea Baldini, scherma; Tania Cagnotto, tuffi; Simone Collio, atletica; Simone Parodi, pallavolo; Alessandra Sensini, windsurf.

Delverde è l’unico pastificio situato all’interno di un Parco naturale (il Parco nazionale della Maiella) ai piedi della sorgente del fiume Verde da cui prende il nome  e la cui acqua purissima filtrata attraverso la roccia bianca della montagna viene poi usata nella produzione della pasta che viene trafilata al bronzo e essiccata a bassa temperatura: 8-10 ore per i formati di pasta corta, 16-18 ore per quelli più grandi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *