I’M DOPING FREE ANCHE A TAVOLA

_MG_4423

Marco Bianchi con Filippo Magnini ed Enrico Garozzo

Marco Bianchi è il guru della cucina naturale, lo star chef della prevenzione nel piatto! Non ha un ristorante, ma è un re dei social, amico dei vip, ma soprattutto impegnato con la Fondazione Veronesi. Perché la sua missione nasce in laboratorio come ricercatore scientifico che a un certo punto della sua carriera ha cambiato rotta dedicandosi a diffondere la filosofia del mangiare sano e del movimento.
I suoi libri, una decina, stazionano ai vertici delle classifiche e il prossimo edito da Mondadori è già in stampa. Marco Bianchi, che promuove la cultura del movimento perché non basta mangiar correttamente per sentirsi bene e prevenire le malattie, è molto legato al mondo dello sport anche. Nei suoi libri spinge a un’attività fisica leggera, ma da qualche tempo si è avvicinato agli atleti di alto livello: Federica Pellegrini e Filippo Magnini su tutti.
“un incontro nato per caso, con una cena a casa mia, un rapporto che si è consolidato” racconta Marco Bianchi, “non senza sforzi Federica e Filippo seguono le mie indicazioni alimentari. Sono bravissimi”. “Marco è un grande” gli fa eco Filippo Magnini, “i suoi consigli sono molto interessanti, oggi non si può lasciare nulla al caso e se lo avessi incontrato all’inizio della carriera forse nei avrei tratto molti benefici”.

Filippo Magnini con Jessica e Giulio di I'm doping free

Filippo Magnini con Jessica e Giulio di I’m doping free

Marco Bianchi ha un format che si chiama “a casa di marco” che porta in giro per l’Italia. Un evento che comincia con una piccola lezione sull’alimentazione corretta: meno carne rossa e più legumi, continua con una lezione pratica in cucina dove i partecipanti si danno da fare ai fornelli e si conclude mangiando i piatti preparati e un bel selfie….
L’idea di Filippo Magnini con i suoi amici Giulio e Jessica dell’associazione “I’m doping free” di cui Pippo è il massimo promotore, è stata di organizzare un pomeriggio di “a casa di Marco” a Milano coinvolgendo un gruppo di atleti. Una sorta di un numero zero di un evento che può solo crescere. La risposta è stata straordinaria e c’è stato qualcuno che non ha potuto partecipare perché si è aggiunto quando il numero massimo era già stato raggiunto.

super selfie

super selfie

Nutrita la pattuglia dei Pallanuotisti della pro Recco con Niccolo Figari, Matteo Aicardi, Andrea Fondelli e Alex Giorgietti. Per l’atletica la marciatrice Eleonora Anna Giorgi, per la scherma Enrico Garozzo e Marco Fichera, per il ciclismo Daniele Colli, per il pattinaggio Valentina Marchei, per lo sport paralimpico Federico Morlacchi e i, oltre, naturalmente a Filippo Magnini.

Valentina Marchei e Eleonora Anna Giorgi

Valentina Marchei e Eleonora Anna Giorgi

Ascoltare la lezione di Marco Bianchi sulla prevenzione attraverso il cibo è interessante e anche un po’ inquietante: quanti errori si fanno, atleti e non! Comunque Marco non è un talebano, ma spiega che bisogna ridurre il consumo di carne rossa e dei latticini e che i legumi contengono sostanze nutritive migliori e che vengono assimilate meglio dal corpo umano. Che prodotti sostitutivi come il Seitan sono buoni e fanno bene, che il pesce ha qualità fondamentali in una dieta.

Mirko Bergamasco e Stefano Vegliani

Mirko Bergamasco e Stefano Vegliani

Limitare il consumo della carne è l’ostacolo più difficile da superare, da Enrico Garozzo a Niccolo Figari a Eleonora Anna Giorgi tutti promettono che lo faranno, ma intanto non riescono a smettere. C’è poi chi ha fatto scelte radicali come Mirko Bergamasco. Sembra impossibile vedendo questa montagna di muscoli, ma da un anno il tre quarti della nazionale di Rugby è diventato Vegano. Essere Vegano significa eliminare tutti i prodotti di origine animale, latticini compresi: “essere Vegani non è solo un regime alimentare, ma un principio di vita” racconta Bergamasco “io mi sono reso conto che sto benissimo, che ho guadagnato lucidità mentale e capacità ci concentrazione, naturalmente ho dovuto aumentare il numero di pasti giornalieri, ma dal punto di vista della forza fisica non ho perso neppure un micron di potenza” E assieme alla moglie iraniana Ati Safavi ha aperto a Padova un ristorante Vegano che si chiama Doodzy’s: da provare.

crema di ceci

crema di ceci

Dopo tante belle parole gli atleti sono stati messi in cucina per preparare la cena. In quattro gruppi si sono divertiti nonostante qualche piccolo inconveniente come un taglio sul dito di Enrico Garozzo (e pensare che dovrebbe essere abile con le lame) e qualche difficoltà nell’uso del mixer da parte di Valentina Marchei ed Eleonora Anna Giorgi.

pinzimonio

pinzimonio

Questo il menù che è stato spazzolato con gusto da atleti e ospiti:
• Riso Venere (al vapore) con ceci (al vapore) pomodori secchi scorza di limone
• Quinoa (al vapore) con lenticchie (al vapore) broccoli uvetta olio evo
• Filetti di salmone (al vapore) + salsa yogurt di soia pepe rosa + salsa tofu e prezzemolo
• Crostini di pane di segale hummus di ceci (al vapore) + crema di cannellini (al vapore) e caprino + insalata russa (verdure al vapore)

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *