Ristoranti da Serie A: Modena

bottura1La ricomparsa della città di Modena in serie A apre nuovi orizzonti, anche se si tratta di un ritorno “trasversale”, nel senso che lo stadio Braglia è il vero protagonista di questa nuova situazione e non la città nella sua totalità. Il bello di Modena è che lol stadio si trova proprio al confine del centro cittadino e quindi è molto facile abbinare una partita del Carpi a una splendida passeggiata tra Duomo, Ghirlandina e Piazza Grande, aggiungendoci anche una sana e bella mangiata. In un posto del genere è sempre meglio arrivare preparati, anche se entrando in un posto a caso difficilmente si sbaglia.

MODENA TRA CENTRO E STADIO
AI CAPPUCCINI (via A. Fontanelli 1) – tel. 059237011
Un ex convento che nel 2012 è diventato un ristorante-pizzeria specializzato nella “pizza al chilo” preparata dopo una lunga lievitazione. Bene anche sulla pasta fatta in casa e sui piatti a base di pesce fresco.
BIANCA (via Spaccini 24) tel. 059311524
L’atmosfera riporta un po’ indietro nel tempo, è un casale d’epoca arredato in maniera rustica. Fornito anche di giardino per la bella stagione, serve cucina di tradizione emiliana.
CAFFE’ CONCERTO (Piazza Grande 26) tel. 059222232
Punto di riferimento cittadino, proprio in piazza Grande. Si mangia e soprattutto si beve, gli aperitivi dei modenesi abitano qui, ma anche i ricchissimi primi piatti riescono a mettere d’accordo la clientela locale con quella che arriva da fuori.
DA DANILO (VIA Coltellini 31) tel. 059216691
L’antipasto della casa costa 12 euro ma contiene ogni bendidio tra tutto quello che viene prodotto nel modenese, gnocco fritto compreso. Poi il listone dei primi e dei secondi non si discosta dalla tradizione locale, pasta fresca soprattutto.
DA ERMES (via Ganaceto 89) tel. 059238065
Nel 2014, allo scadere del cinquantesimo anno di attività, voleva chiudere ma poi ha tirato dritto. O meglio: si limita a cucinare (benissimo) solo a pranzo, riposando la domenica. Quindi da prenotare se il Carpi gioca il sabato. Ne vale la pena.
DA PANINO (Rua Freda 21) – tel. 05941121
Facile intuire dal nome che non è un ristorante tradizionale. Si sgranocchiano panini, ma non quelli dell’autogrill: tutto qui è preparato con le eccellenze del territorio modenese, il che ha reso Da Panino un locale di tendenza.
IL FANTINO (via Donzi 7) – tel. 059223646
Posto piccolo ma accogliente, frequentato in maniera abbastanza assidua anche dai giocatori di Modena e Sassuolo residenti in città. Gnocchi, tortellini e tagliatelle sono praticamente obbligatori, il secondo verrà dopo.
I 4 UMORI (via Begarelli 11) tel. 0592300121
In realtà dovrebbe chiamarsi “I 4 u-mori!, nel senso dei mori di Sardegna, che ispirano questo ristorante-pizzeria dove il carasau e il porceddu hanno diritto di cittadinanza senza offesa per le tigelle.
OFFICINA DELLA SENAPE (piazza Matteotti 24) tel. 0598746752
Il punto di partenza è la carne, tutta di primissima qualità. Ovviamente a Modena non possono mancare primi (pasta fatta in casa) e salumi, ma i tagli bovini comandano su tutto con un ottimo rapporto qualità-prezzo.
ORESTE (piazza Roma 31) – teò. 059243324
La particolarità è che l’arredamento richiama molto il design degli anni ’50 e ’60. Con queste premesse è facile capire che anche il menù non si discosta dal solco della tradizione, con dei piatti che ormai sono qualche nonnina prepara per i nipoti.
TRATTORIA CERVETTA (via Cervetta 7) – tel. 059220500
Culatello, parmigiano 24 mesi, tagliatelle, spiedino di cervo, dolce a scelta: questo potrebbe essere un buon pasto pre-partita, basta non dover giocare. Tanta tradizione locale e qualche concessione anche ad altre provenienze.
WELL DONE (pizza Matteotti 11) – tel. 0592138059
Ci sono gli hamburger, ma che hamburger. Li confezionano con la miglior carne che viene prodotta nella zona, anche perché da queste parti si può essere competitivi solamente all’interno delle eccellenze. Il Wall Street Journal l’ha inserito tra le prime 5 hamburgherie d’Europa.

TRATTARSI BENE A MODENA
HOSTERIA GIUSTI (via Fanni 75) – tel. 05922533
Aperta nel 1989 dove prima c’era una macelleria, si propone di far riscoprire alle nuove generazioni dei sapori ormai perduti. Aperto sempre a pranzo, per la cena bisogna prenotare altrimenti niente. Posto piccolo di grande qualità.
L’ERBA DEL RE (via Castelmaraldo 45) – tel. 059218188
Un’esperienza di gusto e di comfort, soprattutto se si ha il tempo di concedersi i menù degustazione: “Espressione” (95 euro), “La storicità dei piatti” (80 euro) e “Menù tradizione” (65 euro), anche nella versione con i vini abbinati.
STALLO DEL POMODORO (Largo Hannover 63) – tel. 069214664
La base è quella delle materie prime del territorio, ma su queste viene innestata una grande creatività che rende tutto più attraente. Il menù varia secondo la stagione e il proprietario è un grandissimo esperto di vini.

IL TOP DEI TOP
OSTERIA FRANCESCANA (via Stella 22) – tel. 059223912
Un vero tempio della gastronomia, da anni all’avanguardia mondiale. Dodici tavoli che raccontano una storia a tutti quelli che ci si siedono grazie al mitico chef Massimo Bottura. Nell’ultima classifica “The world’s top 50 restaurant” è al secondo posto, battuto nel mondo solo dal Celler Can Roca dei fratelli Roca. Medaglia d’argento nel mondo. Tanta roba. Certo non è una tavola per tutti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *