Un mondo di maxi schermi e buone tavole

Trovare dove vedere le partite dei mondiali su grande schermo non sarà difficile. Ogni quattro anni il rito si ripete e più l’Italia avanza nel torneo più si espande a macchia d’olio.

A Firenze ci saranno due mega schermi in un posto speciale che sembra fato apposto perché forchette a centro campo se ne occupi.

foto

Il Mercato Centrale costruito nel 1874, progettato dallo stesso architetto della Galleria Vittorio Emanuele di Milano, da poco più di un mese ha ripreso vita. Un progetto ambizioso per un luogo storico del capoluogo toscano dedicato al cibo di qualità. La struttura (3000 metri quadri) che naturalmente si affaccia su Piazza del Mercato, a due passi dalla Basilica di san Lorenzo, ospita  botteghe tradizionali che nobilitano gli artigiani del gusto. Pane e pasticceria, pesce fresco, fritto e polpette, frutta e verdure, carne e salumi, mozzarella di bufala, formaggi, cioccolato e gelato, pasta fresca, enoteca, lampredotto, tramezzini: tutti i chioschi sono gestiti da commercianti artigiani con in comune la passione per la loro professione. Continua a leggere

UN CALCIO GOLOSO AL DIABETE

McSadler

McSadler

Metti uno chef stellato vicino a un evento che unisce sport e scienza medica ed ecco presentata la ricetta della Diabetes Junior Cup che sabato 7, domenica 8 e lunedì 9 giugno vedrà scendere in campo 9 squadre (una femminile) di ragazzini tra i 10 e i 14 anni affetti da Diabete di tipo 1. Si gioca al Centro Sportivo Cannavò all’Idroscalo. Un evento che si ripete dal 2007 e che quest’anno ha trovato la collaborazione con Claudio Sadler due stelle Michelin, uno dei pionieri della ristorazione di qualità  a Milano.

Il logo della Diabetes Junior Cup

Il logo della Diabetes Junior Cup

Sadler che ha curato il menù della conferenza stampa ha anche preparato una ricetta dedicata ai ragazzini diabetici: “in realtà chi soffre di diabete non da grossi problemi a chi lavora in cucina, tutti seguono una terapia che li permette di autoregolarsi; maggiori difficoltà le abbiamo con le intolleranze, ma siamo attrezzati per far fronte a ogni esigenza” racconta Claudio Sadler. Continua a leggere